30 giugno 2008

Una breve intervista di Claire Colley a Robert Wyatt a proposito di Comicopera, alcool, musiche e ricordi d'infanzia si ascolta in http://www.musicomh.com/music/features/podcast_robert-wyatt_0608.htm

29 giugno 2008

Interessante intervista di Udi Koomran al compositore Lutz Glandien: http://udi-koomran.blogspot.com/2008/06/lutz-glandien-interview-by-udi-koomran.html
L'ultimo album di Glandien a tutt'oggi è Kyomei, realizzato interamente con strumenti acustici di speciale costruzione. Il cd a tiratura limitata è distribuito da ReR.

27 giugno 2008

A giudicare da reazioni e commenti pubblicati qui e là sul web, e specialmente in alcune liste di discussione dedicate a Zorn, il concerto a Parigi di lunedì scorso di Painkiller - spasmodicamente atteso per il temporaneo rientro nei ranghi di Mick Harris - deve esser stato un mezzo fiasco, risollevato poco o per nulla nelle sue sorti dai rinforzi di Fred Frith e Mike Patton, impegnati con Zorn anche nel set di apertura di serata, Necrophiliac. Molti errori tecnici, conoscenza non aggiornata del materiale musicale, scarsa concentrazione, i postumi del disastroso viaggio di ritorno dal concerto di Massacre a Ferrara da parte di Frith e Laswell e le cattive condizioni di salute di quest'ultimo sono gli elementi soprattutto richiamati per descrivere e spiegare l'accaduto. Partita dunque con il piede sbagliato, 'Domaine privé John Zorn', la cinque-giorni zorniana presso la Cité de la Musique parigina, sembra essersi riscattata con gli applauditi programmi dei giorni successivi, The Dreamers, Essential Cinema e The Book of Angels. La chiusura è per questa sera con gli estremismi noir e le ambientazioni esoteriche di Magick.

Il programma di 'Domaine privé John Zorn' si legge in dettaglio in
http://www.cite-musique.fr/francais/images/pdf/notes_programme/080623_zorn.pdf mentre gallerie fotografiche e filmatini di varia qualità si trovano in gran numero su Flickr, Last.fm e YouTube.

26 giugno 2008

Downtown Music Gallery pubblica in proprio un doppio cd di Curlew comprendente l'omonimo eccellente album di esordio del 1981, finora mai ristampato su cd e qui ricompilato con brani in più, e l'inedito Live at CBGB 1980. In formazione all'epoca erano George Cartwright, Tom Cora, Nicky Skopelitis, Bill Laswell e Bill Bacon (nel concerto del disco inedito è però Denardo Coleman alla batteria). Un imperdibile manifesto della scena newyorkese downtown.

Disc One: The legendary first [self-titled] album by Curlew, initally released by Landslide on LP in 1981 and out-of-print ever since, with the original lineup of saxophonist/composer/leader George Cartwright, Tom Cora on cello and devices, Nicky Skopelitis on guitar, Bill Laswell on bass, and Bill Bacon on drums. This incredible record, originally released by Landslide in the U.S. and U.K., has never before been released on CD anywhere! Bonus material on this disc includes six more cuts from one of their earliest live gigs at CBGB on February 6th 1980, previously unreleased in any format! [two other tracks from this gig are included as part ot the original album sequence]
Disc Two: Previously unreleased in any format! A complete 64 minute set from CBGB on October 1st 1980, with almost the same lineup, except Denardo Coleman [from Ornette's Prime Time, and Jayne Cortez' Firespitters] is on drums!

"In the New York City of the late seventies, intersecting communities of musician-composer-improvisors fomented a new cycle of unprecedented creativity, later known under the aegis of 'Downtown Music', and which nowadays, due to its continuing re-inventions and innovations, is enjoined by an international legion of creative musicians with a global audience. The late '70s were a dour time for new jazz. Sure, you could hear what passed for it on the radio, but by then creative Jazz-Rock had become Fusion, descending into - perhaps only partially via record company manipulation - watered-down groove instrumentals with flashy jazz-inflected riffs. Art-Rock, somewhat of a cross-Atlantic cousin also started in the late '60s, similarly had its creative death-knell after only a five year period, becoming the bloated artistically bankrupt arena phenomenon known as "Progressive" rock. The real jazz was mostly coming through on small independent labels: a new breed of strong player/composers were beginning to be heard from who took their cues primarily from the explorers of the previous decade - Ornette Coleman, Anthony Braxton, Art Ensemble Of Chicago, late-period John Coltrane, and Cecil Taylor. These New-Jazz comers included Henry Threadgill, David Murray, Lawrence 'Butch' Morris, Wadada Leo Smith, Julius Hemphill, Arthur Blythe, and James 'Blood' Ulmer, and they could be heard in the once-healthy loft-jazz scene of mid-'70s NYC. At the same time, a few truly creative early progenitors of the old Art-Rock scene from abroad - including Fred Frith, Brian Eno, Robert Fripp, and Daevid Allen - had turned their backs on the ethos they initiated, and moved to NYC to collide/collaborate in what they perceived as much more fertile ground, partially revolving around the NY New Wave/No Wave punk-dance scene. Also about this time, a number of musically-disparate transplants to New York took up residence in the Lower East Side, chiefly Elliott Sharp, Wayne Horvitz, Toshinori Kondo, John Zorn (okay, he only moved from Queens!), Tom Cora, (Mark) Kramer, Tim Berne, Eugene Chadbourne, Bill Laswell, and George Cartwright. For each - if their great works together and separately is the measure - were of a like mind: to reject the tired and shallow, and to create new methods of interaction and composing that in time was to become the passing of the torch from the previous composer-based (Cage, Riley, Glass, Young, Reich,..) Downtown Music scene, but this time with emphasis on the improvising player as an equal party to the music - the new New Music scene. George Cartwright formed Curlew in 1979, taking as his starting point bits of all the aforementioned sources - and more besides, mixed with a sly humor that is uniquely his - immediately attracting the brightest and best legends-to-be to his side. Bill Laswell paid his dues in R&B rhythm sections along the East Coast, first coming to prominence in New York Gong which debuted at Daevid Allen's ZU Festival, where George, Bill, Nicky, Fred and so many others first met. (Bill later transformed NYG into Material). Nicky Skopelitis was a shy but monstrously talented guitarist and oud player. Tom Cora had worked with Karl Berger, Eugene Chadbourne, and Andrea Centazzo, extending the language of cello. Bill Bacon was formerly of Flying Island, and a student of world percussion under Collin Walcott. Not only was George a great genius compositionally - I still remember my jaw hanging open 30 minutes after first listening to their debut album! - his music was at once both new-jazz and new-art-rock, with virtuoso ensemble playing which discarded the unison crutch of fusion. His amazingly versatile reed work betrayed without imitation a wide ranging source of influences including Southern R&B, impressionistic minimalism, and Ornette's harmolodic approach. Says Mr. Cartwright, "the basic concept came from Ornette (and his recent electric albums): to be melodic, danceable, strong, clear and (more my idea) messy ... And I mean 'danceable' in a, uh, creative kind of way with toe-tapping as an integral part of [it], too. But, the ideas and inspiration came from everywhere. Not just Ornette."

Over the years, Curlew has been for avant-jazz and new music (much as Mothers Of Invention or King Crimson were to rock) an incubator and/or showcase for extraordinary talent, including founding members Cora (Skeleton Crew, Third Person), Laswell (Material, Painkiller, Praxis), Skopelitis (Ekstasis), and later members Fred Frith (Henry Cow, Massacre), Wayne Horvitz (The President, Naked City, Zony Mash), Davey Williams (TransMuseq), Pippin Barnett (Orthotonics, Nimal), Ann Rupel (No Safety), Amy Denio (Tone Dogs), et al. Even Denardo Coleman - batterie for Prime Time, and Ornette's son - felt right at home!

This group possesses all the hallmarks of the very best musical institutions, including: They sound like no one else. And, you can hear their unabated exuberance throughout - they had FUN! playing together. These outrageous recordings are where it all started." - Emanuel 'MannyLunch' Maris

24 giugno 2008

Serie difficoltà economiche, tali da mettere in forse il proseguimento di gran parte delle proprie future attività, per il francese Centre Culturel André Malraux (CCAM) a Vandœuvre-Lès-Nancy, responsabile tra l'altro del festival Musique Action diretto da Dominique Répécaud e giunto quest'anno alla sua venticinquesima edizione. Dettagli, forum di discussione e possibilità di partecipare a una petizione volta a chiedere sostegno in favore del centro culturale si trovano in http://ccam.mollo.fr/communique170708.php

23 giugno 2008

L'etichetta Sundazed specializzata in pubblicazioni di materiale raro o d'archivio annuncia come imminente il doppio vinile It Comes to You in a Plain Brown Wrapper, con registrazioni effettuate nel 1967 da Captain Beefheart e la sua Magic Band rimaste inedite o apparse in coda alle edizioni cd del 1999 di Safe as Milk e Mirror Man.

After the Captain's first album for Buddha, Safe As Milk, he did further sessions for newer material paid for by Buddha. However, he then left Buddha, went to Blue Thumb/Liberty, and did re-recordings of some of these songs, some with added reverb and other effects which Beefheart approved at the time, but post-release was unhappy with. It is these newer recordings for Blue Thumb that were originally to be titled 'It Comes To You In A Plain Brown Wrapper' [not the Mirror Man album!] - eventually the release title became 'Strictly Personal'. Buddha reacted by putting out an album called Mirror Man (four long, cosmic psych/blues jammin' tracks from a great one-night-live-in-the-studio '67 L.A. session) - this second Buddha release was the unsanctioned album! [This info has been verified by Beefheart-ologist Henry Kaiser]. What we actually have here on this double-LP are as follows: the 5 bonus cuts not found on the Mirror Man LP but found on the MM Sessions CD: "Trust Us (take 6)", "Safe As Milk (take 12)", "Beatle Bones And Smokin' Stones", "Moody Liz (take 8)", and "Gimme Dat Harp Boy". And we have also have the bonus cuts from the 'Safe As Milk' CD: "Safe As Milk (take 5)", "On Tomorrow", "Big Black Baby Shoes", "Flower Pot", "Dirty Blue Gene", "Trust Us (take 9)", "Korn Ring Finger"; and finally the previously unreleased "Moody Liz (take 16)". Some of these are previous takes of songs that wound up on the 'Strictly Personal [aka Brown Wrapper]' album.
Sundazed's stunning gatefold double-LP release comes to you wrapped in a sharp outer sleeve bearing specially commissioned artwork by Frank Zappa/Straight Records illustrator Cal Schenkel replicating the album's planned '67 design (deliberately not shown here. It's a surprise!); inside are rare photos and fascinating, exhaustive liner notes by Magic Band drummer John 'Drumbo' French. Even after more than 40 years, this music is still hopelessly ahead of its time -- or, as one-time Magic Band member Ry Cooder once described it, 'right on time.'

Informazioni e ascolti in anteprima sono in http://tinyurl.com/6lzjbh

21 giugno 2008

This Summer Night, il delizioso brano realizzato assieme da Robert Wyatt e Bertrand Burgalat l'anno scorso - lo si trova sia come singolo che nel più recente album di Burgalat, Chéri B.B. - e già tra i nostri dischi preferiti della passata estate, torna d'attualità di stagione anche grazie a un simpatico video che si può vedere e scaricare dal sito dell'etichetta Tricatel.

20 giugno 2008

Impressioni e commenti a proposito dei due concerti londinesi di Gong si trovano su What's Rattlin'? nei messaggi 4410 e 4413 (quest'ultimo inviato da Phil Howitt). La formazione vedeva riuniti Daevid Allen, Gilli Smyth, Steve Hillage, Miquette Giraudy, Mike Howlett, Theo Travis e Chris Taylor. Una ricca galleria di immagini dal primo dei due concerti, tenuto per il Meltdown 2008, è in http://www.pilmeyer.com/gong/gong08a.html (e seguenti), mentre una breve ripresa video dal secondo concerto è in http://tinyurl.com/6ooque

17 giugno 2008

Il fotografo Luc Pilmeyer ha ripreso uno dei recenti concerti di In Cahoots - di un paio si trovano segnalazioni e recensioni in What's Rattlin'? - con Phil Miller, Fred T. Baker, Peter Lemer, Mark Fletcher, Gail Brand e Simon Picard in formazione. E' il concerto del 3 giugno scorso, nel noto club 'Spirit of 66' a Verviers, Belgio. La galleria di immagini è in http://www.pilmeyer.com/gong/incahove.html

15 giugno 2008

Dopo Annette Peacock l'anno scorso, è stavolta Fred Frith al centro del progetto speciale dedicato dalla Regione Emilia-Romagna, assessorato alla Cultura, ad autori e interpreti protagonisti dell’espressione musicale contemporanea. Il progetto prevede concerti in diverse località della regione e sottolinea diversi aspetti della multiforme attività di Frith: composizione, improvvisazione e conduzione di gruppo in particolare. Il programma si svolgerà a Ferrara il 22 giugno - si tratta del concerto di Massacre, con Laswell e Hayward, nel cartellone di Aterforum Festival - e poi a Mondaino, Lugo, Vignola e Parma il 26, 27, 28 e 30, dove verranno proposti i due diversi ensemble di Tessitura e Eye to Ear:

Giovedì 26 giugno (ore 21.15 - Teatro Dimora) a Mondaino (Rn), venerdì 27 giugno (ore 21.25 - Teatro Rossini) a Lugo (Ra) e sabato 28 giugno (ore 21.30 – Piazza dei Contrari) a Vignola (Mo): “Tessitura” (Inghilterra, Italia, Stati Uniti, Svizzera; prima assoluta), con Paolo Angeli chitarra sarda preparata, Olivia Bignardi clarinetto e sax alto, Daniela Cattivelli laptop e campionatore, Fred Frith chitarra elettrica, Gianni Gebbia sax alto e richiami, Charles Hayward batteria, Pasquale Mirra vibrafono e percussioni, Zeena Parkins tastiere e fisarmonica, Claudio Puntin clarinetto e clarinetto basso, Massimo Simonini theremin preparato e oggetti. Roberto Monari tecnico del suono.

Lunedì 30 giugno (ore 21 - Teatro Due) a Parma: “Eye to Ear” (Inghilterra, Stati Uniti, Germania, Svizzera, Islanda; prima italiana) con Fred Frith chitarra elettrica e pianoforte, Gerdur Gunnarsdottir violino, Charles Hayward batteria, Karoline Höfler contrabbasso, Tilman Mueller tromba e pianoforte, Zeena Parkins arpa e pianoforte, fisarmonica e tastiere, Claudio Puntin clarinetto e clarinetto basso. Roberto Monari tecnico del suono.

12 giugno 2008

Il concerto di Annette Peacock e Roberto Dani del 22 giugno 2007 di Vignola viene trasmesso da Radio3 Suite Jazz il prossimo 19 giugno, con inizio alle ore 22.30.

09 giugno 2008

Compie oggi dieci anni l'emittente londinese Resonance FM, fondata dall'associazione di musicisti London Musicians' Collective e divenuta negli anni una delle migliori stazioni dedicate con criterio e discernimento a jazz, rock e folk urbano, improvvisazione e arti d'avanguardia (anche se non in modo esclusivo). Le trasmissioni presero il via il 9 giugno 1998 da una postazione temporanea allestita in un camerino di teatro nei giorni di svolgimento del festival Meltdown, curato quell'anno da John Peel.
Per un'intera settimana, fino al 15 giugno, l'anniversario viene festeggiato ritrasmettendo in modo esteso, e in qualche caso integrale, musiche interviste rubriche e programmi di quella primissima fase di vita della radio: l'iniziativa si intitola Party Like It's 1998 ed è di grande interesse anche perché molti dei materiali riproposti si possono effettivamente sentire per la prima volta, dato che all'epoca il segnale radio era assai instabile e limitato solo ad alcune zone di Londra. La scaletta è impressionante - oggi per esempio si possono ascoltare Pauline Oliveros, Otomo Yoshihide con I.S.O., John Tilbury, David Cunningham, Steve Beresford con John Edwards e Lol Coxhill dal vivo in studio, Viv Corringham, Thurston Moore alle prese con alcune storiche registrazioni di Amm e Scratch Music Orchestra, Ed Baxter, musiche di Cardew, Portsmouth Sinfonia e molto altro - e la si consulta in http://resonancefm.com/schedule.

08 giugno 2008

Robert Wyatt suona pianoforte e cornetta in Song for Alice, brano dedicato ad Alice Coltrane, nel nuovo album di Paul Weller 22 Dreams (Island). Recensioni sono in Sunday Herald e Independent on Sunday. Wyatt collabora inoltre con Running Still cantando in un brano del loro imminente Losing My Reality: un breve filmato tratto da una prova a casa di Wyatt si vede in http://tinyurl.com/3w65jj

07 giugno 2008

Una delle ultime tracce musicali lasciate da Elton Dean - un brano improvvisato in solitudine al pianoforte il 2 febbraio 2006, registrato e 'trattato' dall'amico e collega Mark Hewins, tuttora inedito - accompagna efficacemente le incerte e suggestive immagini delle manovre e delle traversate di alcuni piccoli velivoli (Bristol Freighters) impiegati nei primissimi anni sessanta per collegare gli aereoporti di Lydd in Kent e Le Touquet in Francia. Scrive Hewins: "Piano Improvisation [...] recorded 5 days before [Elton] passed away on 7th Feb 2006. Elton's music has been included here because for many years he travelled (by boat, train, tunnel and plane) between London and Paris. Probably one of the most frequent musical passengers 'cross channel' - the name of this piece of music...

Il breve montaggio si trova in http://www.youtube.com/watch?v=Xn8UeBN54rM

05 giugno 2008

Dopo le esperienze compiute a Cuneo e a Padova a inizio anno, Nicolas Collins ripropone anche a Rovereto (TN) l'interessante laboratorio dal titolo Handmade Electronic Music - The Art Of Hardware Hacking, basato in gran parte sull'omonimo testo pubblicato un paio d'anni fa per Routledge. Agli incontri di studio, in calendario dal 16 al 19 giugno prossimi, faranno seguito il concerto dei partecipanti al laboratorio e quello dello stesso Collins. Il libro è recensito in http://tinyurl.com/6jlgjj e un breve filmato illustrativo si vede qui.

03 giugno 2008

Sguardi Sonori 2008 è un festival d’arte contemporanea che si svolge in Italia con artisti provenienti da oltre trenta paesi da tutto il mondo. Compongono il festival diverse sezioni: musica elettronica, improvvisazione sonora, performance, arte contemporanea (un progetto di net-art), cinema indipendente, abstract cinema (dalle origini ad oggi), dj/pop. Da giugno ad ottobre saranno numerosi gli appuntamenti - a Schio, Roma, Tarquinia, Viterbo, Benevento e Napoli - secondo un'articolazione che si legge anche in http://weblogart.blogspot.com/2008/06/sguardi-sonori-2008.html
Festival e mostra si inaugurano il 7 giugno al Lanificio Conte di Schio, in provincia di Vicenza, con un concerto del duo Elio Martusciello e Fabrizio Spera.

02 giugno 2008

Prende il via venerdì 6 giugno a Ferrara l'Aterforum Festival 2008, intitolato quest’anno “Nuove Indie: rotte musicali tra New York e Mumbai”. Concerti, seminari ed allestimenti con protagonisti Robert Ashley, Terry Riley, Stefano Scodanibbio, Dans Les Arbres, Alvin Curran e Fabrizio Ottaviucci tra i molti altri. Chiusura col botto il 22 giugno con Massacre (Frith, Laswell, Hayward).

Informazioni e programma completo:
tel 0532 202675, fax 0532 206007

01 giugno 2008

E' già tempo di pensare al Natale, e in merito Carla Bley ha in mente un bel programmino, leggermente a margine della tradizione, per quintetto d'ottoni, basso e pianoforte. Jingle Balls!