11 agosto 2009


Certe sere d'estate il celebre compositore francese Pierre Henry, presto ottantaduenne, apre al pubblico la propria casa parigina - uno stretto appartamento su quattro piani straripante di oggetti e manufatti d'arte, diffusori acustici, dischi nastri strumenti e libri - accogliendo gli ospiti con ambientazioni sonore ad hoc o realizzando sul posto nuovi missaggi di opere dalla sua ricchissima produzione. Da una visita 'chez Henry' di inizio agosto viene la documentazione fotografica in Continuo's Weblog.