30 settembre 2011

Brillante come appena forgiato, torna a farsi ammirare per iniziativa delle stesse Raincoats uno dei loro gioielli più originali e preziosi: Odyshape, ruggente album Rough Trade nel 1981, oggi nuovamente cd e vinile per We ThRee, etichetta gestita direttamente dalle musiciste. A disegnarne le superfici furono Vicky Aspinall, Gina Birch e Ana da Silva - la batterista Palmolive aveva appena abbandonato - e a lavorare finemente di sbalzo e cesello intervennero Charles Hayward, Robert Wyatt e Georgie Born, Ingrid Weiss, Kadir Durvesh, Richard Dudanski, Caroline Scott e Dick O'Dell, con la manager Shirley O'Loughlin e il tecnico del suono Adam Kidron. Fu invenzione di Gina Birch l'allusivo titolo: "It was a word I made up. As art students, and punk rockers, we didn't conform to the stereotype of how a girl should look. There's a mixed part of me that felt quite feisty about that, and pleased. I liked wearing great big shoes and having really skinny legs and big jumpers and messy hair. It was very liberating. But it's not just straightforward, I suppose. It wasn't so much about me, but the idea that a lot of women feel they do have to conform to this thing".


29 settembre 2011

Cresce la raccolta di documenti video di Eugene Chadbourne raccolti da Ben Raskin al sito House of Chadula: tra i più recenti, un estratto da un concerto solitario al newyorkese The Stone lo scorso marzo e il trailer del nuovo album Zupa Dupa Kupa, in uscita a ottobre per l'etichetta Monotype Records.


28 settembre 2011

Ci sono anche musiche per il film di Dziga Vertov L'uomo con la macchina da presa nel nuovo album Eyecatcher del gruppo Art Zoyd: il doppio cd è su etichetta In-possible Records.

Fidèle à ses habitudes, qui consistent notamment à réaliser des ciné-concerts, Art Zoyd sort un nouveau cd qui contient sa musique du film de Dziga Vertov (URSS, 1929), l'Homme à la Caméra (sous-intitulé Eyecatcher 2), conçu par Gérard Hourbette et créé à Valenciennes le 27 novembre 2007.
On y trouve également Eyecatcher 1, Petite Collection de Rêves Etranges et Pièces Plaisantes, et Eyecatcher 3. Hourbette présente ainsi cette création: “un divertissement sur la modernité, sur l’électricité, sur l’œil, le regard, la mémorisation. Un concert avec vidéo, puis avec film et pour finir, vidéo sans film, ni musique, ni musiciens!"


27 settembre 2011

Al blog The Jazz Man Tim Owen recensisce il concerto di Evan Parker con il collettivo Grutronic tenuto al Vortex londinese il 22 settembre scorso. Un nuovo album insieme, Together in Zero Space, tratto da un concerto del 2009 a Bratislava, esce in questi giorni per l'etichetta psi.

Grutronic are a collective of free improvisers. All have a past/present as acoustic ensemble players. In Grutronic they become re-incarnated as electronic musicians, extending technique through the development of highly personalised systems of sound production and control. Recent innovations and new intuitive and performance oriented technologies have put tools and techniques, once the preserve of the electronic music studio, into the hands of player. Grutronic take on these new challenges with glee. Together they aim to surprise and delight the listener and themselves with unheard forms and sound-relationships, galvanised in the moment of performance.


26 settembre 2011

Alcuni luoghi chiave delle vicende legate alla cosiddetta 'scena di Canterbury' sono indicati in una mappa in progress curata da Matthew Watkins - reponsabile anche del blog Canterbury Soundwaves - su Google Maps: http://tinyurl.com/gmaps-canterburyscene

25 settembre 2011

Una riedizione del libro di Mike Barnes su Captain Beefheart (Quartet Books, 2000) è ora su Omnibus Press, con nuove interviste e contributi successivi alla scomparsa del Capitano, oltre a una riconsiderazione critica sui motivi della sua lunga assenza dalle scene.

Following Don Van Vliet's death Mike Barnes looks to reassess his legacy through new interview material and with reference to reports and eulogies that appeared in the media. He also puts Van Vliet's reclusiveness over the last two decades in context, now that it has been officially revealed that he was suffering from MS - his friends and representatives has always denied that he had a long term illness.


24 settembre 2011

Riprese video e fotografiche dal Rock in Opposition Festival-France Event della scorsa settimana alla Maison de la Musique di Cap'Découverte, Le Garric (Francia):

23 settembre 2011

I fasti sonori introdotti nel pop negli anni sessanta dai Beatles (ed altri) sono al centro della puntata di Spinning on Air condotta da David Garland domenica scorsa: Sixties Pop Opulence.


22 settembre 2011

Mike Keneally sta procedendo al completamento dell'album Wing Beat Fantastic, frutto della collaborazione iniziata nel 2006 con Andy Partridge. Una seduta di lavoro è stata trasmessa un paio di sere fa sul canale web del chitarrista: www.ustream.tv/channel/mike-keneally


21 settembre 2011

Dogfishtrombone e Resonance FM promuovono stasera al londinese 12 Bar Club un nuovo omaggio a Phil Ochs, I Phil Therefore I Am: A Tribute To Phil Ochs #2. Tra i molti interviene anche Bob Rafkin, chitarrista al fianco di Ochs negli album Tape From California e Rehearsals For Retirement, oltre che nel celebre concerto di Gunfight At Carnegie Hall.

Phil Ochs began his music career in Greenwich Village in the 60s. He was a contemporary of Bob Dylan, to whom he was both a friend and a rival. Initially known for his topical and "protest" songs, Phil (like Dylan) later went on to write more abstract and poetic material. A very popular performer in his time, Phil remained engaged in supporting socialist causes, causing him to be branded "dangerous" and "un-American" by the FBI. By the early 70s a series of failures and setbacks sent Phil into a depression from which he never fully recovered. He produced very little new music during these years, suffering from writer's block and alcoholism. He finally took his own life in 1976.
This night aims to pay tribute to Phil Ochs the songwriter. This aspect of Phil is often overlooked and he's still sometimes written off as another 60s protest singer. Listen to the songs though, and you will discover a rare talent who could make you laugh, make you think and move you deeply. We are delighted to welcome as our special guest Bob Rafkin, who played guitar on the Phil Ochs albums "Tape From California" and "Rehearsals For Retirement", as well as at the infamous "Gunfight At Carnegie Hall" concert. Bob will be sharing some memories of working with Phil as well as performing two of his greatest songs.


20 settembre 2011

Sul blog The Liminal Joseph Burnett recensisce il concerto di Philip Jeck al jazz club londinese The Vortex venerdì scorso: http://tinyurl.com/3zn92oc


19 settembre 2011

A formazione variabile e nome mutevole - oggi Ptah, in precedenza Zaar e Kobaia Aemgalai Kolektiw - dieci giovani musicisti francesi interpretano alcuni classici del progressive degli anni settanta, con un intero set dedicato a brani dei Magma (De Futura, una parte di KA e Könhtarkösz). Un estratto dal concerto di poche sere fa a St Paul les Dax è in http://www.youtube.com/watch?v=et28Y8qtZAo

18 settembre 2011

Qualche audiocassetta originale, fortunosamente ritrovata, era stata distribuita a inizio dell'anno scorso attraverso il sito dell'etichetta Incus. Oggi la registrazione del concerto di Derek Bailey a Milwaukee il 31 marzo 1983 torna disponibile, grazie al lavoro di restauro compiuto da Dave Hunt, sia come nuova audiocassetta sia come cd. Steve Beresford, che della pubblicazione è produttore assieme a Karen Brookman, ha festeggiato l'evento pochi giorni fa con un concerto in duo con John Butcher al piccolo club londinese Jazz Servants Quarters, in Dalston: cronaca e immagini sono in http://mccookerybook.blogspot.com/2011/09/derek-bailey-milwaukee-recordings-cd.html


17 settembre 2011

Mai ristampato né in vinile né in cd, Kicking as Art Form è sempre rimasto uno degli album di più difficile reperibilità tra quelli pubblicati a suo tempo dall'etichetta Fringe Benefit, curata da Jon Rose: una dozzina di improvvisazioni registrate a Canberra nel 1984 in duo con il trombonista Simone de Haan, riportate solo in minima parte nell'antologico Fringe Benefits: 1977-1985 (Entropy Stereo, 1999) appena prima che andassero rovinati o persi per sempre i nastri originali. Oggi le recupera il blog di Continuo, dove si scrive: "Simone De Haan’s trombone is almost constantly soloing on side A, while Jon Rose merely contributes discrete background droning sounds from self-build 19 string cello. Regular cello sounds appear with the pair of traditionals closing the first side (#5 & 6), after which the rest of the LP is more like a proper duo, with Rose switching to home-made 5 and 16 string violins. On the wonderful #7 Kookaburra – Fair Dinkum, Rose produces magical, aeolian harp-like sounds from the 16 string violin. Elsewhere he plays a kind of insect music of pizzicati and repeated notes, interrupted by unexpected vocal interjections. On the epic closing track, the 2 musicians are moving around the stage and 8 microphones while producing eerie sounds from their respective instruments, for once sounding almost indistinguishable, producing disorienting, otherworldly tonalities".


16 settembre 2011

Chissà se il proposito di Chris Cutler di riportare in studio Peter Blegvad e John Greaves per un nuovo capitolo del trio troverà presto modo di realizzarsi. Qualche nuovo brano intanto lo si è sentito al concerto londinese della scorsa settimana, quando al Cafe Oto con loro c'era anche Karen Mantler: la scaletta quella sera comprendeva Mad Love Vanishes, The Unborn Byron, Man Overboard, Face Off, Hell's Despite, The Marvellous in the Everyday, Driver's Seat, That'll Be Him Now, My Father's Face, Mama's Boy, Stink, Let's Travel Light, Just Woke Up, Waste of Time, Golden Age, Powers in the Air, Had to be Bad, The Incinerator, On All Fours, Hangman's Hill e, acclamato bis, King Strut. Una ripresa amatoriale di Waste of Time è in http://www.youtube.com/user/photocronista

15 settembre 2011

Al via domani l'edizione 2011 del Rock in Opposition France Event alla Maison de la Musique di Cap'Découverte, Le Garric (Francia). Informazioni e aggiornamenti, con le ultime variazioni nel travagliato programma, sono in http://www.rocktime.org/rio

14 settembre 2011

Giunge dalla Grecia, assai triste, la notizia della scomparsa di Graham Collier, figura tra le più conosciute e stimate del jazz britannico, attivo fin dagli anni sessanta nelle diverse vesti di strumentista, compositore, direttore d'ensemble, docente e scrittore. Aveva 74 anni. I suoi lavori e i suoi scritti sono documentati in una ventina di album - molti ristampati di recente da BGO, un paio su Cuneiform - e in sette libri di storia del jazz, tecnica compositiva e analisi musicale. Notizie e informazioni sulle sue molteplici attività sono raccolte organicamente in www.grahamcolliermusic.com e www.jazzcontinuum.com.
Un ricordo è in LondonJazz.


13 settembre 2011

Joan La Barbara interviene alla rassegna Extended Voices - a Modena dal 16 al 18 settembre 2011, in concomitanza con il FestivalFilosofia - per presentare due suoi recenti lavori per voce solista, Solitary Journeys e Gatekeeper. Modena, Chiostro di Palazzo Santa Margherita, sabato 17 settembre alle ore 22.30.


12 settembre 2011

Fracture è il nuovo nome del trio di Luciano Margorani (chitarra) con Luca Pissavini (basso) e Andrea Quattrini (batteria), attivo dall'anno scorso, e anche il nome del loro lavoro appena pubblicato da Setola di Maiale. Brani elettrici e spigolosi composti all'istante in una seduta di studio di sole tre ore, non privi di riferimenti alla Belle Époque crimsoniana cui il titolo allude.


11 settembre 2011

Pronte cinque nuove pubblicazioni di Cuneiform Records per la tradizionale scadenza di fine estate: The Claudia Quintet con Kurt Elling and Theo Bleckmann (What is the Beautiful?), Dead Cat Bounce (Chance Episodes), il debutto del trio Bill Laswell-Raoul Björkenheim-Morgen Ågren dal titolo Blixt, São Paulo Underground (Três Cabeças Loucuras, disponibile in cd e anche in vinile), la riedizione del Live di Mats/Morgan Band (registrato nel 1999, pubblicato nel 2001). C'è anche la ristampa - con nuovo lavoro grafico, più simile all'originale - di un titolo Heldon risalente al 1975, Allez Teia, su cd già nel 1992.


10 settembre 2011

Nell'annetto scarso della loro prima esistenza in epoca proto-punk lasciarono poca traccia nella memoria del pubblico, nessuna sul mercato discografico ufficiale, e i suoi componenti andarono a realizzare altrove - chi nei Pere Ubu, chi nei Dead Boys - progetti e ambizioni, finanche disperazioni.
A trentasette anni da allora vede la luce oggi per l'etichetta Fire Records il primo album dei 'leggendari' Rocket From the Tombs, Barfly, inciso nell'agosto dell'anno scorso: David Thomas, Cheetah Chrome, Richard Lloyd, Craig Bell e Steve Mehlman. Un brano, I Sell Soul, si ascolta in http://tinyurl.com/3gcy3y7


09 settembre 2011

Torna in azione il trio di Peter Blegvad con John Greaves e Chris Cutler con alcuni concerti a Londra e Cambridge tra settembre e ottobre. Per l'appuntamento di questa sera al Cafe Oto si unisce a loro - come già in qualche occasione in passato - Karen Mantler.


08 settembre 2011

Al Totnes Festival di Dartington, Regno Unito, suona questa sera la Mike Westbrook Big Band: Stan Willis, Roz Harding, Gary Bayley, Lou Gare, Sarah Dean, Ian Wellens (sassofoni), Mike Brewer, Brian Moore, Dave Holdsworth, Sam Massey (trombe), Sam Smith, Bob Cronin, Dave Hankin, Alex Wesson (tromboni), Lewis Riley (tastiere), Marcus Vergette (basso), Coach York (batteria), Kate Westbrook (voce) e Mike Westbrook (direzione).


06 settembre 2011

In occasione del concerto di Charlie Haden e la Liberation Music Orchestra al Jazz Middelheim di Anversa (Belgio) lo scorso ferragosto, l'emittente Klara - che ha curato le riprese radiofoniche del festival - ha avvicinato il sassofonista Tony Malaby per una breve intervista: il video è su YouTube.


05 settembre 2011

Dal concerto di Cosa Brava al Great American Music Hall a San Francisco lo scorso 14 agosto, due brani - uno in prima esecuzione dal vivo - scritti a quattro mani da Fred Frith e la libanese Zeina Nasr: The Letter e Drowning.


04 settembre 2011

Si è concluso ieri a Kristiansand (Norvegia) il festival Punkt, con numerosi concerti e seminari dall'1 al 3 settembre cui hanno partecipato tra gli altri Evan Parker, J. Peter Schwalm, John Russell, John Tilbury, Ingar Zach, J.A. Deane, Leafcutter John, Marilyn Mazur, John Paul Jones, Nils Petter Molvær, Okkyung Lee, Philip Jeck, Stephan Mathieu oltre a David Sylvian, quest'anno uno dei curatori della rassegna. Un informale reportage quotidiano è via via apparso in http://svennevenn.blogspot.com


03 settembre 2011

Endorsement d'eccezione per l'organizzazione britannica a difesa dei diritti dei musicisti, professionisti o studenti: The Musicians' Union.

The Musicians’ Union is a globally-respected organisation which represents over 30,000 musicians working in all sectors of the music business. As well as negotiating on behalf of musicians with all the major employers in the industry, the MU offers a range of services tailored for the self-employed by providing assistance for professional and student musicians of all ages.
The Musicians’ Union has specialist full-time officials available to immediately tackle the issues raised by musicians working in the live arena, the recording studio, or when writing and composing. Such issues can range from copyright protection to valuable contractual advice or from the recovery of unpaid fees to crucial work in health and safety. MU members, regardless of their genre of music, are part of one of the leading music industry bodies in Europe and the Union’s democratic structures offer every opportunity for musicians to influence MU policy.
Add to this the many services that the Union provides and you have an organisation that can assist its members throughout their professional careers and beyond.


02 settembre 2011

Brevi estratti dai recenti libri di William Parker Conversations (Rogue Art) e Joëlle Léandre Solo (Kadima Collective) si leggono nel numero di settembre 2011 di Point of Departure.


01 settembre 2011

Inizia oggi e prosegue fino al 17 di questo mese una nuova edizione newyorkese - in passato se ne sono allestite anche a Tokyo, Praga, Colonia e Berlino - del festival Amplify curato da Jon Abbey, responsabile dell'etichetta Erstwhile Records da sempre dedicata all'improvvisazione e alla ricerca elettroacustica. Titolo della rassegna di quest'anno è AMPLIFY 2011: stones, in programma fino al 15 con due concerti ogni sera presso il club The Stone e con due successive serate all'Issue Project Room. Partecipano tra gli altri Keith Rowe, Radu Malfatti, Taku Unami, Jason Lescalleet, Toshi Nakamura, Christian Wolff, Graham Lambkin e Michael Pisaro. Il programma completo è al sito dell'Erstwhile. "I'm extremely excited to announce this, the most ambitious fest I've put on in the US thus far. Every fest I do is different, depending on the location and the venue/s, but this one is unusual in that every set will be a separate admission, because that's the way this venue (The Stone) works". (Jon Abbey)