04 gennaio 2014


Un ampio ritratto di Robert Wyatt curato da Gennaro Fucile è nel numero 47 della rivista Quaderni d'altri tempi, nella sezione monografica Mappe, con articoli, immagini, stralci da Wrong Movements, discografia e selezione video: http://www.quadernidaltritempi.eu/rivista/numero47/index.html

Di Wyatt così scrive Adam Budofsky recensendo '68 per Modern Drummer: "Wyatt is a fascinating figure; pick any period of his long career, and you’ll find unique, powerful music ranging from demanding and abstract extended pieces to bona-fide pop hits; jazz, R&B, classical, avant-garde, and ethnic musics have all contributed to his sound since the mid-’60s".