16 settembre 2017


Due giorni da tutto esaurito oggi e domani alla South London Gallery per un nuovo allestimento scenico e multimediale dell'opera di Tom Phillips Irma, celebre per la sua straordinaria partitura grafica che è opera originale e completa già di per sé. La sua storia è accuratamente raccontata dallo stesso autore in una sezione del proprio sito web. Dopo una lunga gestazione negli anni Sessanta con il titolo A Humument - manipolazione creativa di un romanzetto d'epoca vittoriana di William Hurrell Mallock, A Human Document - il lavoro è giunto a compimento nel 1969, nello stesso giorno del primo sbarco dell'uomo sulla luna; è stato pubblicato in varie edizioni - in anni a noi vicini perfino come applicazione per iPad e iPhone - e ha avuto doppia documentazione discografica, prima nel 1978 nella serie Obscure curata da Brian Eno e poi nel 1988 per Matchless Recordings, frutto di un concerto che gli AMM tennero quell'anno con Elise Lorraine, Phil Minton, Lol Coxhill, Ian Mitchell e Birte Pederson. 
In occasione dell'ottantesimo compleanno, al poliedrico artista ha dedicato di recente una importante retrospettiva la londinese Flowers Gallery, esponendo tra gli altri i suoi famigerati teschi, i lavori a collage su Dante, Conrad, Wittgenstein e Beckett, A Humument appunto, e anche il lavoro grafico prodotto a suo tempo per il crimsoniano Starless and Bible Black.

http://www.tomphillips.co.uk
http://southlondongallery.org/tom-phillips-irma-an-opera
https://www.flowersgallery.com/exhibitions/view/tom-phillips