17 aprile 2021

 

Quattro appuntamenti con Bob Drake dal vivo in streaming attraverso il suo canale Twitch.TV: oggi, domani e poi ancora tra due settimane, sempre con inizio alle ore 20.00. Chi ha perso la puntata precedente, quella del 13 marzo, ne ritrova qualche bell'estratto in YT.

http://www.bdrak.com
https://www.twitch.tv/bob_drake
https://www.youtube.com/bobdrake

16 aprile 2021

 

Dagli archivi Ictus esce invece un concerto di Lol Coxhill con il percussionista Andrea Centazzo, registrato alla Krinzinger Galerie di Innsbruck (Austria) nella primavera 1979: 79 Hot Landscapes.

https://ictusrecords.bandcamp.com/album/79-hot-landscapes

15 aprile 2021

 

Dagli archivi Scatter esce una registrazione di vent'anni fa a Glasgow di Lol Coxhill in duo con il contrabbassista - qui anche alla tuba - Lindsay L. Cooper, a volte in dialogo con le ambientazioni sonore suggerite da Bill Wells. Due musicisti con le stesse iniziali dei loro nomi e cognomi: to Elsie.

https://scatterarchive.bandcamp.com/album/to-elsie

14 aprile 2021

 

Un box di cinque cd per riportare all'attenzione le passate attività dal vivo del trio di improvvisazione IST, ovvero Mark Wastell, Rhodri Davies e il compianto Simon H. Fell. Fin dal primissimo concerto, tenuto venticinque anni fa al Club Orange londinese: A More Attractive Way, prodotto in 500 copie in un'edizione da anniversario da Confront Recordings.

A More Attractive Way is a comprehensive study of live performances made by IST between 1996 and 2000. This 5 CD set begins at the very outset of the group's career and features their debut concert at Club Orange in London and charts its way through further gigs in London, Billericay, Norwich and Cambridge. The 20 page booklet contains written contributions from Mark and Rhodri, Jo Fell, Simon Rose, Nick Smith, John Butcher, Phil Durrant, Graham Halliwell and Chris Goode together with previously unpublished photographs.

13 aprile 2021

 

Esce in questi giorni per Cadillac Records un nuovo eccellente album di Evan Parker, ad arricchire ulteriormente un periodo già fitto di uscite a suo nome: All Knavery & Collusion, registrato ancora in epoca pre-Covid - ma la sua influenza si fa ugualmente sentire - il primo giorno d'estate di due anni fa, in quartetto con Alexander Hawkins, John Edwards e Paul Lytton. L'edizione in vinile è limitata a 500 copie, e nelle prime cinquanta è incluso un regalino in tema...

Recorded pre-Covid in the summer of 2019, All Knavery and Collusion still exhibits the existential weight of the global pandemic that would follow six-months later. Titles for four of the program’s seven pieces borrow from Daniel Defoe’s novel Journal of the Plague Year and there’s an air of portentousness to the music given the slightly bitter aftertaste attendant with Evan Parker’s professed skepticism on the public import of scientifically-based precautionary measures. Pause certainly seems warranted regarding that misguided perspective, but the merits of the music remain uncompromised and every bit as bracing as one would expect from the caliber of the participants.

12 aprile 2021

 

Martin Newell dedica uno dei suoi più recenti podcast a Miniatures 2000, l'omaggio al celebre lavoro di Morgan Fisher curato da Barry Lamb per festeggiarne i quarant'anni. E' su Mixcloud.

L'album è in distribuzione anche presso ReR in una speciale edizione a tiratura limitata: "Third in a noble series: first was Morgan Fisher’s classic 1980 release, then an expanded second volume at the millennium - and now we have this third, even more expanded homage. The idea is simplicity itself: invite a selected body of artists to make a piece one minute long and then group them together in through-listening blocks. There are 124 contributors here, some well-thumbed (The Residents, Fred Frith, Stewart Lee, Billy Bragg, David Thomas, John Otway, R. Stevie Moore, Peter Blegvad, Henry Kaiser, Attila the Stockbroker, Terry Riley, Half Japanese, Tom Robinson, Bob Drake, Alternative TV, The Ukulele Orchestra of Great Britain) and many others lesser known or as well known but in other musical circles - including members of Van der Graaf Generator, Curved Air, Zoviet France, Stomu Yamashta’s Red Buddha Theatre, Soft Machine, Fairport Convention, The Blockheads,The Stranglers, John’s Children, Alternative TV, Caravan, The Damned, Global Village Trucking Company, King Crimson, Adam and the Ants and The Monochrome Set. It’s a snapshot, a sampler, a box of variety and delights - and a window on the state of play: in all, a useful and worthwhile undertaking. 2 CDs in a slipcase with a thick book."

11 aprile 2021


Le incredibili storie della él Records e l'ancor più incredibile odissea giapponese del 1987 raccontate in primissima persona da uno dei suoi protagonisti assoluti, Louis Philippe. Con lui Anthony Adverse e Simon Fisher Turner, Dean Brodrick e Nick Wesolowski, Martyn Bates e Richard Preston, ma anche Derek Jarman, Tilda Swinton e naturalmente Mike Alway...

"The first sign that this would be no ordinary trip was that people were waiting for us at the airport. Not record company execs, not chauffeurs, but actual people. Fans, mostly teenage girls who started screaming when they saw us emerge from customs. Not thousands of them, of course, not even hundreds, but a good few dozen all the same, which, for us, was the equivalent of a stadium rock audience. We were whisked away in a couple of very swish vans (with the obligatory dark-tinted windows) for the long journey from Narita to Shibuya, where rooms had been booked for us at the Nobu Hotel, only a few steps away from the venue where we would perform, bang in the middle of Tokyo’s hippest quarter. The date was 29 September 1987. By 6 October, all of this would be over. But ‘this’ covered a lot..."

10 aprile 2021

 

Per festeggiare il primo compleanno del WestbrookJazz Moving Picture Show Mike e Kate Westbrook offrono agli invitati una canzone di Harry Copeland arrangiata da Mike per la band di Off Abbey Road e registrata nel 1989 al Temple Music di Jon Hiseman - iniziando con lui proprio in quell'occasione una lunga serie di produzioni in studio - rimasta finora inedita: ora è disponibile in una versione video curata da Chris Topley e magnificamente illustrata da Kate. Si intitola The School of Jolly Dogs, e con i Westbrook ci sono Pete Whyman, Alan Wakeman, Brian Godding, Andy Grappy e Pete Fairclough.

https://www.westbrookjazz.co.uk/pictureshow/Slap!Bang!
https://katewestbrook.bandcamp.com/track/the-school-of-jolly-dogs
https://jscholarship.library.jhu.edu/handle/1774.2/26779

09 aprile 2021

 

Magic Roots dal vivo in streaming dagli spazi dell'Abbey Rocchi Studio a Roma pochi giorni fa, con una conversazione con Luigi Onori: Alberto Popolla, Errico De Fabritiis, Gianfranco Tedeschi e Fabrizio Spera.

https://youtu.be/-lnuemxOtYI

08 aprile 2021

 

E in concerto in diretta streaming dal newyorkese Roulette ci sarà questa sera Zeena Parkins, con due diverse proposte: il primo episodio (Ekstasis I) di una nuova serie dedicata alla poliedrica artista Jay DeFeo, scomparsa nel 1989, e un nuovo capitolo (Lace_Mvt IV) della lunga sperimentazione con partiture create a partire dalle trame di pizzi e merletti. Con Zeena saranno prima Megan Schubert e poi Ryan Sawyer e Ryan Ross Smith.

https://roulette.org/event/zeena-parkins-lace-box-set-vol-1

07 aprile 2021

Shelley Hirsch dal vivo in streaming con The Body Remembers, suo ennesimo tour de force vocale, linguistico ed espressivo in quattro atti, prima da sola e poi con l'aiuto di Michael J. Schumacher e Joanna Mattrey: Paper Piece, Letting The Electronics Lead Me, Visceral Interaction e He Brings The Beauty. Lo ha proposto il mese scorso Roulette a New York - ora è sul web in Vimeo - nel corso di un'incredibile stagione di produzioni originali che continua inarrestata nel furore della pandemia.

https://roulette.org/event/shelley-hirsch-3
https://vimeo.com/521530072

06 aprile 2021

 

Fruga fruga nei cassetti, salta fuori una bella registrazione inedita di Ian Carr effettuata dal vivo in studio nell'ottobre 1970 con Harry Beckett, Brian Smith, Tony Roberts, Karl Jenkins, Chris Spedding, Ron Matthewson, Jeff Clyne, John Marshall, Chris Karan e Keith Winter. Un doppio quintetto, in pratica una prova generale dei Nucleus in vista delle sedute ufficiali di Solar Plexus di lì a poche settimane: Solar Session, un altro bel colpo messo a segno dall'infallibile Jazz in Britain.

https://jazzinbritain.org

05 aprile 2021

 

E risorge anche Onosante, una registrazione del 2000 frutto della collaborazione di Paul Dunmall con Keith Tippett, Philip Gibbs e Pete Fairclough. La ripubblica la newyorkese 577records, inaugurando una promettente serie dedicata al sassofonista.

Originally recorded in 2000 for a small 100-copy release, Onosante has become a 4-track improvisational project suspended in time. Performed by Paul Dunmall (saxophones, fife, bagpipes), Keith Tippett (piano), Philip Gibbs (guitar) and Pete Fairclough (drums), the album is a deeply creative testament to collaboration, with particularly interesting instrumentation and a characteristic warmth. The compositions are complex but never crowded, conveying a poetic ease between the performers, in what Dunmall calls “a revelation” and “a mini-masterpiece of improvised music”. This release marks the 20-year anniversary of its first publication, the memory of Keith Tippett’s recent passing and the first of many releases from legendary UK musician Paul Dunmall later this year on 577 Records. 

https://577records.bandcamp.com/album/onosante

04 aprile 2021

 

A quattordici anni dal ritrovamento risorge la più antica registrazione nota del celebre Howl di Allen Ginsberg, tratta da una sua lettura in pubblico tenuta al Reed College di Portland, in Oregon, il giorno di San Valentino del 1956. Ora è su Omnivore Recordings.

Allen Ginsberg’s first public reading of his epic poem Howl took place at San Francisco’s famous Six Gallery in October of 1955. Along with Ginsberg, the evening included readings by Gary Snyder, Philip Whalen, Philip Lamantia, and Michael McClure. Poet and anthologist Kenneth Rexroth was the emcee, and Jack Kerouac, Lawrence Ferlinghetti, and Neal Cassady were in attendance. Unfortunately for literary history, no one recorded the Six Gallery reading, and it was long-thought that the first recording of Howl was from a reading at Berkeley in March 1956. Before visiting Berkeley, however, Ginsberg had traveled to Reed College in Portland, Oregon, with Gary Snyder to give a series of readings. On February 13 and 14, 1956, Snyder and Ginsberg read at Reed, with the Valentine’s Day performance recorded then forgotten about until author John Suiter, researching Snyder at Reed’s Hauser Memorial Library, found the tape in a box in 2007.

https://omnivorerecordings.com/allen-ginsberg

03 aprile 2021

 

Tutt'altro che uno scherzo è invece il destino che attende il Mills College di Oakland, in California, da oltre un secolo e mezzo una delle istituzioni educative statunitensi più stimate e anticonformiste, caratterizzata da una didattica innovatrice e dall'approccio laboratoriale e multidisciplinare ai saperi, molto impegnata anche sul fronte dell'emancipazione e della promozione dei diritti dello studente e della persona, ora in procinto di affrontare una radicale trasformazione - accelerata anche dalle vicende della pandemia - che vedrà presto la chiusura di tutti i suoi nuovi corsi ed entro un paio d'anni l'esaurimento di quelli vigenti. Tra i suoi molti Dipartimenti disciplinari, quello di Musica ha sempre goduto di un particolare prestigio, e di notorietà internazionale: ad esso hanno contribuito in vario modo le migliori menti del Novecento musicale americano (ma non solo), tra cui Darius Milhaud, Luciano Berio, Lou Harrison, Pauline Oliveros, Robert Ashley, Terry Riley, Steve Reich, Anthony Braxton, Roscoe Mitchell e Fred Frith. Amaro il commento di Zeena Parkins, che come William Winant al Mills tuttora insegna ("I long feared this might be the worst-case scenario, but I am still devastated by the news"), allarmato il tono della presidente, Elizabeth L. Hillman, che pure cerca di guardare con fiducia all'incerto futuro ("Today’s news signals the end of an era in Mills College’s history. It may provoke a variety of reactions and emotions in you, as it has in me. I also expect you will have many questions, some of which I will not yet be able to answer"). La notizia è riportata in dettaglio da Geeta Dayal sul New York Times.

https://www.mills.edu
https://www.youtube.com/ELH
https://www.nytimes.com//mills-college-music.html

02 aprile 2021

 

Forse un po' per scherzo - già che gli era venuto benino The Dark Side of The Moon qualche mese fa - il primo dell'anno si son messi in testa di rifare anche Red. Per intero. Una dozzina di giovani allievi di Alan Williams, ribattezzati per l'occasione The UMass Lowell King Crimson Ensemble. Bravi!

https://www.youtube.com/red

01 aprile 2021

 

A quelle stesse riprese dei Caravan qualcuno - che evidentemente se ne intende, e perciò lo scherzo vale - ha sostituito l'audio, mettendo invece una loro versione di un brano di Keith Jarrett, di chiara eredità Delivery. E non lo nasconde: "Caravan play Keith Jarrett? Well, yes, this is Caravan performing Keith's Is It Really The Same live sometime in 1971 or 1972, but the (unrelated and re-edited) visuals are of course from the recently unearthed Montreux footage. I had already posted the audio (or at least some of it) but I think it's more entertaining with video, albeit artificially created."

31 marzo 2021

In questi giorni fa bella mostra di sé su YT un raro filmato dei Caravan ripresi in occasione della loro partecipazione al festival della Rosa d'oro di Montreux (Svizzera) nella formazione di base di Waterloo Lily, ovvero Pye Hastings, Steve Miller, Richard Sinclair e Richard Coughlan. Una buona performance, con buona qualità sia delle immagini che del suono, in particolare dell'adorato basso elettrico di Sinclair. In sequenza: Nothing At All / It's Coming Soon / Nothing At All (Reprise), The Love In Your Eye / To Catch Me A Brother / Subsultus / Debouchement / Tilbury Kecks, Waterloo Lily e Songs And Signs. Era il 29 aprile 1972.

https://youtu.be/Festival de la Rose d'Or

30 marzo 2021

 

Chi non ha potuto seguirla in diretta online mercoledì scorso può ritrovare la presentazione del libro The Canterbury Sound in Popular Music: Scene, Identity and Myth (Emeralds, 2021) su YT: in conversazione via Zoom con Sarah Hill dello IASPM e i tre curatori del volume Asya Draganova, Shane Blackman e Andy Bennett c'erano tra gli altri Brian Hopper, Jack Hues e Phil Howitt.

https://youtu.be/Coo-TqHtmKc
https://tinyurl.com/r7ybuu3p
https://tinyurl.com/6vduu5dd

29 marzo 2021

 

Per la serie Trit[on air] dei concerti della domenica è disponibile da un paio di settimane quello di Oakland, progetto di Vincent Courtois dedicato al Martin Eden di Jack London che in qualche occasione ha potuto essere presentato in concerto a inizio febbraio dell'anno scorso all'immediata vigilia delle chiusure dovute alla pandemia. Con il violoncellista c'erano Daniel Erdmann, Robin Fincker, Pierre Baux e John Greaves, evoluzione in quintetto narrante dell'iniziale trio solo strumentale, quello di Love of Life.

https://vod.letriton.com/oakland
https://www.youtube.com/Ml9wSFKmRtE
https://youtu.be/NHD2tpg6k3A

28 marzo 2021

Da oggi all'11 aprile, tutte le sere dopo il tramonto, sarà visibile attraverso le vetrate del centro d'arte Projektraum Ostend a Stoccarda (Germania) il film Drawing Sound di Heike Liss, ritratto delle sue performance grafiche realizzate dal vivo con Fred Frith.

Heike Liss ist eine deutschstämmige Multimedia Künstlerin die in Oakland (Californien) und Basel (Schweiz) lebt und arbeitet. In Zusammenarbeit mit dem international bekannten Musiker Fred Frith, mit dem sie verheiratet ist, hat sie eine Reihe von Sound and Drawing - Performances entwickelt und weltweit aufgeführt. Aus diesen Performances entstand der Film Drawing Sound. Dieser Film wird ab Einbruch der Dämmerung in die Fenster des Projektraum Ostend projiziert und ist somit öffentlich von außen sichtbar. 

Projektraum Ostend
Achalmstrasse 18
70188 Stuttgart
Tel: (+49) 711-91234375

27 marzo 2021

 

Si è aperta ieri a Chicago per iniziativa di Corbett vs. Dempsey una mostra sulla produzione poetica di Sun Ra in coincidenza con la ripubblicazione in facsimile di suoi quattro testi circolati - poco - tra il 1957 e il 1972: Sun Ra, The Substitute Words: Poetry, 1957-72.

Sun Ra’s poetry is being collected in a new exhibit, book, and 7” release – all helmed by Chicago-based gallery Corbett vs. Dempsey. The multi-faceted project was inspired by “considering Sun Ra’s poetry on its own terms and in the context of the artist’s innovative DIY methods.” Running from 26 March 2021 – 24 April 2021 in Chicago, Sun Ra, The Substitute Words: Poetry, 1957-72 will survey literary objects from his personal collection, alongside archival ephemera.

Four books will be released alongside the exhibition. Two of the books originally accompanied vinyl releases – Jazz By Sun Ra (1957) and Jazz In Silhouette (1959). As Corbett v. Dempsey explains: “vinyl record packaging presented Ra with an opportune and unorthodox vehicle for the dissemination of his poetry.” The Immeasurable Equation (1972) and Extensions Out: The Immeasurable Equation Vol. II (1972) were sold by Ra from the stage, following live performances. In addition, a 7″ by Sun Ra and His Arkestra featuring Ricky Murray, called “I Struck a Match on the Moon/Dreamsville”, will also be released at the same time. Recorded during the 1961 sessions for The Futuristic Sounds of Sun Ra, the tracks feature “Afrofuturist themes of navigating outer space and altered destiny cloaked in sweet songs with tart arrangements.”

https://www.corbettvsdempsey.com/four-poetry-books-1959-1972

26 marzo 2021

Nuova occasione per avvicinarsi al meraviglioso universo sonoro immaginato e creato dal grande Pierre Henry è offerta da Galaxie, collezione in tredici cd di suoi trentatré lavori composti tra il 1958 e il 2017, anno della scomparsa, con quattordici inediti e nessun doppione con l'altro recente box antologico, Polyphonies, prodotto anch'esso dalla Decca.

https://fr.wikipedia.org/wiki/Pierre_Henry

25 marzo 2021

 

Joane Hétu, Jean Derome e Danielle Palardy Roger sono insieme anche nel nuovo album dell'Ensemble SuperMusique, Commutation, e ancora una volta l'attenzione è rivolta a particolari partiture grafiche con prevalente impiego di fiati, percussioni ed elettronica. Ci sono lavori di Luigi Russolo, Émilie Girard-Charest, Anestis Logothetis, Fred Frith - quattro esempi da Stone, Brick, Glass, Wood, Wire - e Maxime Daigneault, scelti in un arco temporale di cent'anni dal più antico al più recente.

Formé des musiciens et compositeurs les plus en vue de la bouillonnante scène de la musique actuelle de Montréal, l’Ensemble SuperMusique mélange savamment l’écriture musicale et la pratique de l’improvisation, l’instrumentation acoustique et électronique. Fondé en 1998, l’Ensemble est dirigé par Joane Hétu et Danielle Palardy Roger; sa géométrie variable lui permet de s’accorder pleinement à chacun des projets qu’il présente et dans les quels chaque interprète est invité à déployer son propre vocabulaire particulier d’improvisateur dans l’exécution du répertoire. Le répertoire de l’Ensemble est constitué de compositions de ses propres membres, de commandes d’œuvres faites à différents compositeurs, ainsi que de quelques partitions «classiques» graphiques et aléatoires. En plus de se produire régulièrement à Montréal et en tournée, l’Ensemble SuperMusique a joué dans les plus importants festivals canadiens de nouvelle musique.

24 marzo 2021

 

Un concerto di venti voci libere celebra l'effimera bioluminescenza dei piccoli coleotteri di inizio estate, pensando a Borges, Pasolini e Hyeronimus Bosch: Les lucioles, un'idea di Joane Hétu realizzata per Ambiances Magnétiques con Jean Derome e Danielle Palardy Roger e con la Chorale Joker di Montréal.

Founded in 2012 and directed by Joane Hétu, Chorale Joker is an a cappella choir comprising a dozen vocalists. This unconventional vocal ensemble explores vocal texture and timbre; rhythmic motifs; sound poetry; and extramusical sounds like breath, babbling, and mouth noise. Chorale Joker is invested in marginal sounds, peripheral territories, and the spaces between the tones of conventional choir singing, and does so not through established repertoire, but by inventing its own language to suit. Joane Hétu guides the singers through improvisation and aleatoric music with a variety of conducting gestures, while leaving considerable space for the performers’ imagination.

23 marzo 2021

 

Quasi delle Variazioni Goldberg per pianoforte virtuale quelle proposte da David Borden, oggi più che ottantenne, nel suo nuovo album per Cuneiform, tutte dedicate alla bravissima Kathleen Supové. Finanche nel titolo, suo anagramma: Heaven-Kept Soul.

The title Heaven-Kept Soul is an anagram derived from the name Kathleen Supové, the pianist for whom this piece was composed. She is known for her boundary-breaking ways of dissolving the wall between performer and audience. The piece is patterned structurally on The Goldberg Variations by J. S. Bach. It has thirty variations on a theme stated in the beginning by the piano. The compositional challenge is that starting with Variation No. 3, every third variation is a canon at a different interval. Most of the variations are composed for synthesizers accompanying an amplified piano; there are a few variations for solo piano. The synthesizer and sampled sounds have been collected on computers, mapped onto keyboards, and played using a USB keyboard controller and laptop with Reason software. Altogether, the piece requires two USB keyboard/computer performers and one pianist.

https://cuneiformrecords.bandcamp.com/album/heaven-kept-soul

22 marzo 2021

Jewlia Eisenberg (1970-2021)




21 marzo 2021

 

Ciao ciao bambino!
(We'll Always Have Mike)



20 marzo 2021

 

Inizia puntualmente come promesso la pubblicazione dei filmati finora inediti che compongono la serie We'll Always Have Paris, dedicata a Mike Westbrook per il suo ottantacinquesimo compleanno. Provengono dalle sedute di registrazione dello splendido album Paris effettuate da Jon Hiseman il 19 e 20 luglio 2016, con il solo Mike allo Steinway di Hélène Aziza presso il suo 19 rue Paul Fort. L'appuntamento a cura di Chris Topley è per tre venerdì consecutivi da qui a Pasqua presso il WestbrookJazz Moving Picture Show.

19 marzo 2021

 

Siccome al WestbrookJazz Moving Picture Show ci saranno presto ben tre filmati della serie We’ll Always Have Paris - tratti dalle registrazioni del 19 e 20 luglio 2016 che già hanno fruttato l'album di Mike Westbrook dal titolo, appunto, Paris - e siccome Chris Topley vuol fare un pochino il misterioso, bisognerà che qualcuno gli dica il titolo del brano che l'altro giorno ha lanciato in anteprima su Vimeo. Un aiutino? 

https://vimeo.com/524516324

18 marzo 2021

 

C'è anche un'altra importante ricorrenza westbrookiana all'orizzonte, il cinquantesimo anniversario del suo lavoro con Adrian Mitchell su William Blake, Tyger (1971). Della resistenza e della continua evoluzione di questo splendido materiale scrive in questi giorni Adrian Mann sul diario di WestbrookJazz Notice Board: "The Blake settings which appeared in Tyger have been subject to reworking and recolouring over the years. Others have been added, creating what has come to be known as the Westbrook Blake. The original emphasis on the prophetic and political strands in Blake has remained and been developed to encompass more fully the visionary and the spiritual. Cultural, social and political awareness has been deepened by a growing interaction with Blake's sense of the sacredness of creation and humanity." E lo stesso Mike, in un passaggio raccolto da Jamie Harber di Jazz South, ne ammette il successo e l'attualità: "The Blake songs have been the most viewed on The Moving Picture Show, and this is a time when we all need William Blake". 

https://www.westbrookjazz.co.uk
http://bq.blakearchive.org/5.3.billington
https://jazzsouth.org.uk/2021/03/catching-up-with-mike-westbrook
https://www.westbrookjazz.co.uk/smithsboard/March2021.shtml#blake
https://www.westbrookjazz.co.uk/pictureshow/March2021.shtml#blake

17 marzo 2021

 

E in vista dello speciale compleanno di Mike Westbrook domenica prossima i fedeli appassionati sparsi ovunque si danno virtuale appuntamento - in virtuoso ritrovo, quasi - per congiunte sedute di ascolto quotidiano attingendo dall'immenso catalogo del Nostro. Nell'imbarazzo della scelta, ovviamente, tra decine di capolavori, pietre miliari, album storici e lavori imprescindibili. Però senza trascurare qualche operina, si fa per dire, minore...

https://www.facebook.com/groups/westbrookgroup

16 marzo 2021

 

Un ricordo di Lindsay Cooper in occasione di quello che sarebbe stato il suo settantesimo compleanno, il 3 marzo scorso. Lo ha prodotto Ulrich Kriest, per la tedesca Südwestrundfunk: Remembering Lindsay Cooper, SWR2 Jazz Session.

https://www.swr.de/swr2/remembering-lindsay-cooper

15 marzo 2021

 

A Great Inhumane Adventure
(Roger Trigaux, 19xx-2021)




14 marzo 2021

 

Chi ha inesauribili archivi cui attingere è notoriamente Eugene Chadbourne, autodocumentarista tra i più eterodossi da sempre in grado di spiazzare chiunque nel riprendere e rimescolare materiali e documenti di ere lontanissime, accostando o sovrapponendo proprie gesta solitarie - non di rado epiche - ad inqualificabili azioni compiute in combutta, spesso illecita, con i peggior ceffi in circolazione: negli ultimi ritrovamenti di fine anni Settanta-metà anni Ottanta, ad esempio, è tutto un John Zorn, un Tom Cora, uno Shockabilly...

Per un ascolto del Chadbourne più recente ci si può rivolgere invece al divertente Color Press, un omaggio a Lizzy Mercier Descloux inciso due estati fa in Costa Azzurra con gli intraprendenti francesini di Hifiklub.

https://weirdcry.bandcamp.com/album/color-press

13 marzo 2021

 

Ai propri archivi storici - anche fotografici - attinge con frequenza Elliott Sharp, settantenne fresco fresco, mettendo a disposizione di appassionati e curiosi una grande quantità di registrazioni in buona parte inedite, o divenute nel tempo rarissime, oltre a documenti finora privati relativi alle incessanti (e inquietanti) metamorfosi dei suoi strumenti. Da seguire su Bandcamp e Instagram.

https://zoar-records.bandcamp.com
https://www.instagram.com/elliott_sharp

12 marzo 2021

 

Come già per il primo ReduxSteve Kretzmer rovista negli antichi archivi dei Rascal Reporters - dove negli anni lui e il compagno Steve Gore hanno lasciato parecchia roba provvisoria e incompleta - e ne estrae qualcosa di ancor più che degno e presentabile. Sotto lo sguardo attento di Bob DrakeRascals Revenge and the Great Reset.

https://rascalreporters.bandcamp.com/rascals-revenge-and-the-great-reset

11 marzo 2021

 

Dall'archivio di un anno di isolamento, senza incontri e senza concerti, Mike Cooper trae un bell'album nel segno della condivisione e della collaborazione (a distanza) con Jon Raskin, Jim McAuley, Michael Thieke, Elliott Sharp e Scot Ray: A Covid Year Compilation.

From March 3rd 2020 to March 3rd 2021. A year with no live concerts. A year to contemplate collaborating with known and unknown partners. A year to experiment with new technology and new methods of composing and improvising. These ten tracks are the result of ten separate editions of music that I made, solo and with others, during that year and put up on Bandcamp. The fruits of isolation and made possible by file sharing and digital technology at home.

10 marzo 2021

 

Lol Coxhill e Pat Thomas colti insieme in due diverse occasioni londinesi di inizio e fine 1991, più un paio di ritratti del solo Coxhill in apertura e chiusura: è la gioiosa istantanea di Duo (and Solos), tratta dagli archivi Scatter e ora diffusa via Bandcamp.

Scatter was a Glasgow-based improvised and experimental music label, running from the mid-90s to the early '00s, capturing a fascinating period in improvised music, with cross-generational collaboration and the impact of samplers, beats and noise opening up new possibilities. The brainchild of Liam Stefani, Scatter issued CDs and cassettes from major UK improvisers like Lol Coxhill, Pat Thomas, Steve Beresford, Alex Ward, and Tony Bevan, alongside Japanese underground heroes Disclocation, and Glasgow underground duo Inversion.

https://scatterarchive.bandcamp.com/album/duo-and-solos

09 marzo 2021

 

Missing Imperator
(James Mac Gaw, 1968-2021)




08 marzo 2021

 

Il bel concerto che Maggie Nichols, Caroline Kraabel e John Edwards hanno trasmesso in streaming dal Cafe Oto londinese - senza pubblico presente - lo scorso 25 febbraio è ora disponibile presso Bandcamp: No Picnics.

https://johnedwards.bandcamp.com/album/no-picnics

07 marzo 2021

 

Ha da poco iniziato a rendere pubblici i risultati della propria ricerca l'ammirevole collettivo rumeno di Studii de Sunet che, partendo dalle difficili condizioni imposte dalla pandemia, si è dato il compito di compiere un approfondimento sulle culture musicali della Romania dell'ultimo mezzo secolo, con particolare attenzione alle implicazioni sociali del produrrre e diffondere musiche anche in altri tempi di restrizione e repressione, spesso con forme di opposizione e resistenza. Tra i primi materiali pubblicati, con speciale interesse per l'opera di Iancu Dumitrescu e per le vicende del gruppo punk Terror Art, ci sono importanti testimonianze dirette di Tim Hodgkinson e di Chris Cutler. Il progetto si inserisce in uno più ampio, Unearthing the music, volto a comprendere e documentare le vicende storiche della musica di ricerca e d'avanguardia nei regimi europei non democratici. 

The project is presented in a lecture format during the pandemic because we wanted to know about other adverse times and their music: not a particular genre, but the attitude. Looking for Romanian sound cultures, we ended up going through over 50 years of resistance, cultural, subcultural or countercultural self-organization. We tried to focus on them through a kind of para-academic research, hence the other title of Sound Studies. This series of discursive materials questions the values ​​of the local creative environment and beyond, seeking to understand forms of listening, singing or even dancing. The purpose of the organizer is to understand social implications of sound in order to reimagine ways in which music can be made and listened to.

This project is part of Unearthing the music: sound and creative experimentation in non-democratic Europe, an online artistic and social research platform created by partners from 5 countries with a co-financing from Creative Europe. In Romania, the Asociația Jumătatea plină carries out this research through the Redescoperind Muzica project, co-financed by the National Cultural Fund Administration (AFCN).

https://unearthingthemusic.eu
https://www.youtube.com/studii-de-sunet

06 marzo 2021

 

Molto indaffarate anche le mani dei musicisti di Nexus e Sō Percussion impegnati in una versione di Drumming realizzata in onore del suo cinquantesimo anniversario. La si trova sul web all'interno di un sito interamente dedicato all'opera, tra le più celebri ed eseguite di Steve Reich, assieme a molti materiali, documenti, contributi teorici e alcune imperdibili lezioni pratiche del veterano Russell Hartenberger.

https://www.drummingat50.com

05 marzo 2021

Altro che mani libere, hanno parecchio da fare quelle di Mark Ptak per rincorrere le mosse di Kerry Minnear in Free Hand. Ma ce la fanno. A più riprese magari, ma ce la fanno!

https://youtu.be/Gentle Giant - Free Hand (Keyboard Parts, Live Version)

04 marzo 2021

 

E' da Levity & Novelty, primo nella serie di quattro album promessi da Brian Woodbury tra l'anno scorso e quest'anno sotto il titolo Anthems & Antithets, che proviene Old Time Prog, accurato omaggio al progressive più amato e codificato che sta spopolando tra gli appassionati nella versione video su YT. E a ragione: "This song is an affectionate sendup of the progressive rock music of the 1970s. You'll hear references to the styles of: Yes, Genesis, King Crimson, Henry Cow, Gentle Giant, Jethro Tull, Magma, Gong, Soft Machine, ELP, Marillion, Rush and probably others." Uno spasso!

https://www.youtube.com/old-time-prog

03 marzo 2021

 

Massimo Giuntoli recupera in forma di album alcuni suoi bei lavori ideati nel corso degli anni per spettacoli di luci e suoni ambientati in luoghi architettonici affascinanti e arcani - il Teatro romano di Aosta e il Ninfeo di Villa Visconti Borromeo Litta a Lainate, un ardito ponte di Santiago Calatrava dalla segreta vita notturna e una Cattedrale vegetale di Giuliano Mauri troppo presto distrutta da tempeste furibonde: Lights. Please!

https://massimogiuntoli.bandcamp.com/album/lights

02 marzo 2021

 

Altro recupero prezioso per la gioia di appassionati e collezionisti è il concerto parigino a Le Dunois del 30 marzo 1985 di Phil Miller con In Cahoots, a conclusione del tour europeo che vide il debutto di Hugh Hopper in formazione (vi rimase fino al gennaio 1988). E' in Phil Miller-The Legacy.

https://philmillerthelegacy.com/music/in-cahoots-paris-le-dunois-1985

01 marzo 2021

 

Cuneiform Records recupera in digitale l'album di Alan Gowen e Hugh Hopper Improvisations pubblicato in cd da Blueprint/Voiceprint nel 1996, con preziosi materiali d'archivio tratti da sessioni e concerti tenuti in duo a Bress-sur-Grosne (Francia) a inizio maggio 1978 - ospiti di Jacky Barber, durante una pausa forzata di un tour con Soft Head - e in trio con Nigel Morris a Bracknell (Regno Unito) il 21 settembre 1980, a pochi mesi dalla prematura scomparsa di Gowen.

28 febbraio 2021

 

Perché non si sa mai: una copia di sicurezza del preziosissimo sito di Jean-Paul Marillier Une discographie de Robert Wyatt ora è anche in pdf.

Vous pouvez télécharger gratuitement une copie de la discographie de Robert Wyatt au format PDF ici: http://www.disco-robertwyatt.com/archives_site

J'ai décidé de mettre ce fichier à disposition car je ne veux pas que ce travail soit perdu si le site doit être arrêté (ce n'est pas mon intention de l'arrêter mais...)

http://www.disco-robertwyatt.com
http://radiorobert.com