28 febbraio 2021

 

Perché non si sa mai: una copia di sicurezza del preziosissimo sito di Jean-Paul Marillier Une discographie de Robert Wyatt ora è anche in pdf.

Vous pouvez télécharger gratuitement une copie de la discographie de Robert Wyatt au format PDF ici: http://www.disco-robertwyatt.com/archives_site

J'ai décidé de mettre ce fichier à disposition car je ne veux pas que ce travail soit perdu si le site doit être arrêté (ce n'est pas mon intention de l'arrêter mais...)

http://www.disco-robertwyatt.com
http://radiorobert.com

26 febbraio 2021

 

Dopo Beyond Jazz (2015) e Convergences, Divergences & Affinities (2017) è pronto un nuovo libro, il terzo, di Trevor Barre dedicato alla scena della musica improvvisata in Gran Bretagna, e stavolta tocca al London Musicians' Collective: "A switchback ride across the rugged terrain of the last quarter of the twentieth century’s cultural margins - and beyond - the latest instalment of Trevor Barre’s accounts of the seeds and growth of free improvisation in the UK, The London Musicians’ Collective spans a 30 + year period and tells the story of one of the most celebrated of all British organisations for the experimentally inclined. With many illustrations of LMC festivals, adverts, fliers, posters, etc, the book follows the twists and turns of this most polymorphic of collectives, interleaving these with contemporaneous societal, cultural and political strands. From its original objective of providing a communication system for London-based musicians from the free improv ‘scene’, the LMC eventually invited in a myriad of creative performers from across Europe, and, eventually, the world."

http://www.improvmusic.co.uk

25 febbraio 2021

 

Caroline Kraabel, Maggie Nicols e John Edwards si incontrano per un concerto negli spazi del Cafe Oto a Londra - senza pubblico, come è necessario in tempo di pandemia ancora infuriante - e da lì trasmettono in streaming per raggiungere ascoltatori vicini e lontani, invitando all'attenzione e alla riflessione. Invito che rivolge anche il filmato che Caroline ha girato un anno fa nei giorni del primo lockdown londinese e che viene anch'esso trasmesso oggi, per la prima volta: London 26 and 28 March 2020: imitation: inversion.

"This film started as 40 minutes of shots of London during the first UK Covid 19 Lockdown (the strict phase of which began on 23 March 2020). These were taken on my phone during permitted exercise (cycling), just so my children would later have a record of the unfamiliar stillness, the emptiness of their city at a time we will now, inevitably, have ingrained in our memories for its sudden difference, and for the surfacing of fear, grief, and love it brought about. I kept coming back to these shots of quiet streets: who was missing, who was still there, what was revealed when the tide of sound and activity went out. As a musician, I undertook to make sense of these shots by playing their sounds, and their absence of sounds."

24 febbraio 2021

 

A Far Rockaway of the Heart
Lawrence Ferlinghetti (1919-2021)



23 febbraio 2021

 

E Ginsberg è protagonista con Burroughs di una delle più belle canzoni di John Greaves d'epoca recente, Dead Poets: la si ascolta ad esempio nel cuore di una delle sue ultime uscite dal vivo, lo scorso novembre a Bruxelles per il festival Ars Musica Solid-Ars. Letters glow and words catch fire / Passion pure and neat desire...

https://youtu.be/xlS4dnZcQu4
https://www.hibou-anemone-bear.com/Les+Brigittines

22 febbraio 2021

Importante omaggio ad Allen Ginsberg prodotto da Peter Hale e Jesse Goodman per i cinquant'anni del suo The Fall of America: Poems of these States, 1965-1971, con ambientazioni musicali originali create secondo metodo dichiaratamente willneriano e il recupero in molti brani di letture dalla viva voce del Poeta: Allen Ginsberg’s The Fall of America: A 50th Anniversary Musical Tribute.

Scrivono Hale e Goodman: "Our model for this exciting project was Allen’s The Lion for Real produced by the masterful Hal Willner. We had hoped that he would offer us his guidance and with some musicians on board he might have been persuaded to join us as he had done with other projects over the years. Sadly, fate intervened and Hal became one of the first casualties of this deadly pandemic. Although we cannot come close to the genius he would have brought to this project, he will forever be our guiding light, our guardian angel and inspiration for this project. He has left us a model to work with and we will shoot for the stars as his spirit guides us. His blueprint for unexpected combinations and looking in unexpected places inspired us and to our surprise we found international interest from around the world including Ghana, Nigeria, Rwanda, South Korea and Japan. Music has an incredible power not only to move but also to unite people. With that in mind, all proceeds from the sales of these tracks will be donated to HeadCount.org, an organization which promotes voter registration and participation in democracy through the power of music. The Fall of America is the warning and the world is listening."

21 febbraio 2021

 

Mark Hosler e Jon Leidecker dei Negativland intervistati niente meno che da Carl Stone a proposito dei loro più recenti lavori, l'eccellente True False e il gemello The World Will Decidehttps://youtu.be/57e8aTAWtyE

https://negativland.com/carl-stone-interview

20 febbraio 2021

 

Tornano in circolazione le musiche di Hardy Fox dei Residents concepite una decina d'anni fa per il tour di Talking Light, variamente pubblicate come Chuck's Ghost Music a nome di Charles Bobuck e ora per la prima volta raccolte in vero e proprio cd. Lo produce Klanggalerie.

http://www.klanggalerie.com/gg355
https://klanggalerie.bandcamp.com/album/chucks-ghost-music

19 febbraio 2021

 

Solo un aperitivo tra amici l'omaggio di Christophe Petchanatz a Daevid Allen offerto nella tavernetta Klimperei: tra gli stuzzichini non c'è Camembert Electrique ma Emmental Acoustique, e per il cin cin I've Bin Stoned Before anziché You Can't Kill Me. C'è però un'appetitosa Much Too Old - cui per altro motivo è andato il pensiero proprio in questi giorni - servita alla buona dall'ospite con le sue stesse mani. Da gustare via Bandcamp: Daevid Allen Tributes.

https://klimperei.bandcamp.com/album/daevid-allen-tributes

18 febbraio 2021

 

E a ricordare il compleanno del compianto Phil Miller (1949-2017) è giunto il mese scorso un altro meraviglioso omaggio personalizzato da parte di Billie Grammer Harbottle: Delta Borderline, dall'album Out of the Blue (2001).

https://youtu.be/DIpOONhD-rE

17 febbraio 2021

 

Un'oretta di ascolti suggeriti da Fred Frith in occasione del suo compleanno: è su Mixcloud nella serie di podcast proposta dai curatori del Week-End Fest.

https://www.mixcloud.com/weekendfest/week-end-mixtape-19-fred-frith

16 febbraio 2021

 

L'inedito e felicissimo incontro di Keith Tippett e Paul Rogers con Michel Pilz e Jean-Noël Cognard sotto sigla L'étau è stato ampiamente documentato a suo tempo in Choses Clandestines, prezioso cofanetto di quattro LP - ora ahimé esaurito - pubblicato dalla parigina Trace Label. A completamento vi si aggiunge ora Script original, nuovamente su vinile in tiratura limitata, tratto da quelle stesse sessioni di inizio marzo 2013 a Châtenay-Malabry (Francia).

15 febbraio 2021

 

Alcune scene dal Turner in Uri presentato in prima mondiale al festival Alpentöne di Altdorf (Svizzera) il 15 agosto 2003: sono nella proposta della settimana del WestbrookJazz Moving Picture Show, con una dedica al compianto Jon Hiseman.

Written for a cast of some 60 performers, Mike Westbrook's score brings together two vocal soloists, jazz and classical, with choir, jazz-rock group and brass band. Kate Westbrook's libretto and the 75- minute film of her paintings that accompanies the performance, celebrates the travels of the painter Joseph Mallord William Turner in Canton Uri, in the Swiss Alps. When wars in Europe permitted, in the early 19th century, Turner travelled to Switzerland. There he drew and painted ceaselessly producing a huge quantity of work. Turner in Uri conjures up the painter's journey from the Urnersee to the St. Gotthard Pass and over into Italy. He encounters Alps, the River Reuss, a doomed prostitute, violent storms, demons, ghosts of the Grand Tour and the ubiquitous 'Swiss Figures'. The libretto has songs in German, Swiss German, Italian, French, Rumantsch, and in English, the six main languages of Switzerland.

14 febbraio 2021

 

(Milford Graves, 1941-2021)



13 febbraio 2021

 

E per come stanno davvero le cose, al Centro Stabile di Cultura di Schio (Vi) toccherà presto di dover lasciare la sede di San Vito di Leguzzano che per oltre ventun anni ne ha ospitato le principali attività. Per la gloriosa associazione, che fu anche tra le prime ad aderire al Circ.a nel cuore degli anni Novanta, si prospetta un ritorno alle origini di compagnia 'nomade e itinerante, mutevole e mutante'. Con già alcune idee per il futuro. Grazie di tutto, e auguri!

https://www.centrostabile.it

12 febbraio 2021

 

Come stanno davvero le cose dall'altra parte?

11 febbraio 2021

 

Come descrivere l'assalto al Campidoglio di Washington del 6 gennaio? Eugene Chadbourne mette insieme un'auto-antologia in quattro e quattr'otto, un pugno di brani che a leggerne i titoli la storia si racconta da sola: The Pence Dang Me.

Created in the aftermath of the storming of the capitol, when some rioters were actually hoping to lynch Mike Pence, the latest Dang Me parody kicks off a full length reaction or set of them, from laughter to tears, in the form of songs from various time periods. The resulting spectacular requires no less than three vice presidents and drummers from five nationalities. 

https://eugenechadbourne/the-pence-dang-me

10 febbraio 2021

 

Come si pronuncia Final Solution al giorno d'oggi? In trentun modi diversi, pare.

https://youtu.be/lN0Sa27uDYk

09 febbraio 2021

 

Era disponibile solo in digitale presso Bandcamp, ora ne esiste un'edizione limitata anche in cd single, su Westbrook Records: Says The Duke (Remembering Duke Ellington), di Kate Westbrook e la sua Granite Band, con Roz Harding, Jesse Molins, Matthew North, Billie Bottle, Coach York e naturalmente Mike Westbrook.

https://www.westbrookjazz.co.uk/katewestbrook/saystheduke.shtml
https://katewestbrook.bandcamp.com/album/says-the-duke
https://tinyurl.com/g9eazauf

08 febbraio 2021

 

Esce in questi giorni The Canterbury Sound in Popular Music: Scene, Identity and Myth, corposo volume che raccoglie ed espande gli atti e i documenti di una speciale giornata di incontri e di studi canterburyani che si tenne nell'ottobre 2017, alla quale parteciparono musicisti e protagonisti storici, appassionati ed esperti come Brian Hopper e Dave Sinclair, Aymeric Leroy e Marcus O'Dair, Phil Howitt e Billie Harbottle. Il libro si apre con un'ampia prefazione di Asya Draganova, una delle curatrici, con Robert Wyatt e propone saggi su Soft Machine, Gong e Caravan, interviste a Geoffrey Richardson e Pye Hastings, una riflessione sui testi di Kevin Ayers, la storia di Facelift e vari altri temi legati anche alla conoscenza di questa scena musicale in altri paesi e presso più giovani generazioni. Lo pubblica Emerald.

This collection is a unique exploration of the heritage and legacy of the Canterbury Sound: a signature style emerging in the 1960s that draws upon psychedelic music, progressive rock, jazz and pop to capture the real and imagined interactions between people, place and music. The volume recounts the stories, and explores the significance, of the Canterbury Sound as heritage, ongoing legacy and scene. Originating from the experiences and ethnographic research of the three editors, all of whom have lived and worked in Canterbury, the book brings together reflections, stories, and critical insights from well-known musicians, researchers, DIY archivists and fans to explore the Canterbury Sound as an inter-generational phenomenon and a source of cultural identity. Associated with acts like Caravan, Soft Machine, Gong, Robert Wyatt and Kevin Ayers, this romanticised scene has a special place in popular music culture. Chapters examine the emergence of the Canterbury Sound and the associated scene, including the legacies of key figures in forming the Canterbury Sound aesthetic, the documentation of the scene (online and off) and contemporary scenes within the city, which continues to attract and inspire young people.

https://tinyurl.com/8pnishor
tinyurl.com/dy8yjitl
https://tinyurl.com/xl74l2x4

07 febbraio 2021

 

Invisible Music è il titolo della nuova graditissima collezione pubblicata in questi giorni da Jonathan Coe tramite Bandcamp, una dozzina di brani - alcuni dei quali concepiti a metà anni Ottanta all'epoca del suo gruppo musicale, The Peer Group - prodotti nelle vesti di compositore ed esecutore solitario nell'arco degli ultimi dodici anni, con l'assistenza in un caso del compianto Ken Brake e in tempi recenti soprattutto di Julian Gordon-Hastings: "I wouldn’t really know how to categorise this music, but listeners familiar with bands like Caravan, Gilgamesh and National Health – stalwarts of the so-called Canterbury scene of the 1970s – will perhaps see where I’m trying to come from. For this reason, I’m especially pleased that these tracks have been mastered by Julian Gordon-Hastings, son of Caravan’s Pye Hastings. I hope you'll agree that he’s done a fantastic job, on what is essentially a collection of home recordings."

Coe, si sa, parla spesso e volentieri delle sue passioni musicali e dei suoi ascolti preferiti, anche quelli degli anni giovanili: lo ha fatto ancora pochi giorni fa, con grande brio e infallibile (auto)ironia, in un episodio di Word In Your Ear.

06 febbraio 2021

Torna a trasmettere in streaming Bob Drake, stavolta su Twitch, questa sera alle 20.00, per la gioia di tutti noi. E una sua interessante conversazione con Ben Spees e Nick Prol su canzone e composizione è al centro del primo episodio di Musical Musicians' Music Musings.

https://www.twitch.tv/bob_drake
https://youtu.be/7Dt8-sMN_SY

05 febbraio 2021

 

Dopo Kankyō Ongaku e il doppio Pacific Breeze le indagini sul pop giapponese degli anni Ottanta avviate dall'etichetta Light in the Attic giungono a compimento con un terzo capitolo, maggiormente attento all'area innovatrice e alternativa delle autoproduzioni: Somewhere Between: Mutant Pop, Electronic Minimalism & Shadow Sounds of Japan 1980-1988. Con diversi nomi anche di nostra (relativa) conoscenza...

Sonically, Somewhere Between mines the midpoint between Kankyō Ongaku’s sparkling atmospherics and Pacific Breeze’s metropolitan boogie. The compilation encompasses ambient pop, underground electronics, liminal minimalism and shadow sounds - all descriptors emphasizing the hazy nature of the nebula. Out-of-focus rhythms wear ethereal accoutrements, ballads are shrouded in static, and angular drums snake skyward on transcendent tones. From the avant-minimalism of Mkwaju Ensemble and Yoshio Ojima, to the leftfield techno-pop of Mishio Ogawa and Noriko Miyamoto (featuring members of YMO), and highlights from the groundbreaking Osaka underground label Vanity Records, these are blurry constellations defying collective categorization. These tracks also exist in a space of transition when the major label grip on the Japanese recording market began to give way to the escalation of independents. Thanks to the idyllic economic climate and innovations in domestically-manufactured music gear, creators on the edges were empowered to focus on satisfying their artistic visions in the open headspace of home studios. Somewhere Between is a collection of music, much of it released for the first time outside Japan, that is bound more by energetic vibration than shared history, genre or scene. They are the sounds of transition and searching - a celebration of the freedom found in floating.

04 febbraio 2021

 

Non è la prima volta che circolano - anche in via ufficiale - le registrazioni dei concerti che si tennero dal 9 all'11 giugno 1980 all'Olympia di Parigi per celebrare il primo decennale di attività dei Magma. A quelle memorabili feste presero parte molti dei musicisti fino ad allora transitati in formazione, concentrati in versioni impeccabili dei classici Theusz Hamtaahk e Mekanïk Destruktïw Kommandöh. All'epoca a galvanizzare gli ascolti domestici da vinile fu soprattutto un brano inedito di freschissima scrittura, l'ipercinetico Retrovision, con cui si apriva a sorpresa il terzo volume, primo della serie Retrospektïw ad essere pubblicato. Una versione di studio - una prova del gennaio 1980, sottotitolata Prima Materia - vede ora la luce come bonus nella nuova edizione in tre cd curata da Seventh Records.

https://www.seventhrecords.com/magma-retrospektiw-i-ii-iii

03 febbraio 2021

 

Ciascun box di Fred Frith include anche un album aggiuntivo, a indicare a titolo di esempio la sua inesauribile attitudine alla cooperazione e al lavoro a quattro mani: nel primo volume c'è Dropera, con Ferdinand Richard, nel secondo Helter Skelter, con Francois-Michel Pesenti, e nel terzo Inimitable-Debates for Ganden, con Amanda Miller. Da autentico batticuore è però l'inedito Live in Tel Aviv and Aubervilliers, tratto da un concerto del 2005 con Chris Cutler e da alcune registrazioni effettuate nel marzo 1998 con lui e con il compianto Tom Cora, appena pochi giorni prima della scomparsa. Sono disponibili presso ReR, anche separatamente dagli altri cd: The Fred Records Story.

https://tinyurl.com/fredstory

02 febbraio 2021

 

Arricchiscono i box di Fred Frith tre generosi libretti fitti di note informative, racconti, ricordi e valutazioni raccolte in forma di intervista perlopiù in anni recenti, con aggiunte e integrazioni anche dell'ultimissima ora; pur tra salti temporali e parziali sovrapposizioni, nell'insieme compongono un quadro articolato e organico di riferimenti alle diverse vicende umane e artistiche che hanno accompagnato la realizzazione dei molti album in oggetto e tuttora ne illuminano il significato e l'importanza. Sono disponibili presso ReR, assieme ai cd oppure separatamente: The Fred Records Story.

https://tinyurl.com/fredstory

01 febbraio 2021

 

Tre possibili percorsi nell'immensa discografia di Fred Frith disegnati dall'autore stesso, anche a futura memoria: Rocking the Boat (Guitar Solos, Gravity, Cheap at Half the Price, Killing Time con Massacre, Impur, Middle of the Moment e il doppio That House We Lived In con Keep the Dog), Crossing Borders (Live in Japan, Speechless, Prints, Step Across the Border, Impur II, Art of Memory II con John Zorn, i due Skeleton Crew Learn to Talk e Country of Blinds), Stepping Out (Technology of Tears, Propaganda, Allies, Accidental, The Previous Evening, Happy End Problem, Nowhere Sideshow Thin Air e Field Days). Da tempo preservati sotto unica etichetta, Fred Records, e ora tutti nuovamente disponibili presso ReR, singolarmente o in box: The Fred Records Story.

https://tinyurl.com/fredstory