14 marzo 2021

 

Chi ha inesauribili archivi cui attingere è notoriamente Eugene Chadbourne, autodocumentarista tra i più eterodossi da sempre in grado di spiazzare chiunque nel riprendere e rimescolare materiali e documenti di ere lontanissime, accostando o sovrapponendo proprie gesta solitarie - non di rado epiche - ad inqualificabili azioni compiute in combutta, spesso illecita, con i peggior ceffi in circolazione: negli ultimi ritrovamenti di fine anni Settanta-metà anni Ottanta, ad esempio, è tutto un John Zorn, un Tom Cora, uno Shockabilly...

Per un ascolto del Chadbourne più recente ci si può rivolgere invece al divertente Color Press, un omaggio a Lizzy Mercier Descloux inciso due estati fa in Costa Azzurra con gli intraprendenti francesini di Hifiklub.

https://weirdcry.bandcamp.com/album/color-press