28 maggio 2021

Nei mesi del lockdown più rigoroso il Café Oto londinese si è intelligentemente reinventato prima come spazio per prove e registrazioni e poi come negozio di libri e dischi con vendita sul posto o in distribuzione internazionale, mantenendo vivi i contatti con i suoi molti sostenitori trasmettendo in streaming qualche (raro) concerto tenuto all'interno del locale chiuso al pubblico e producendo una specifica linea di pubblicazioni in digitale - la Takuroku, oggi giunta a 160 titoli - con lavori registrati appunto nel periodo della pandemia. Da qualche giorno, guardando al presente e al futuro con fiducia e cautela insieme, ha riaperto il bar e sono ripresi gli appuntamenti musicali in presenza, seppure a numero ridotto: dopo l'exploit l'altro giorno di Evan Parker - seguitissimo in diretta online, non senza clamori suscitati da alcune sue dichiarazioni su Covid e vaccinazioni durante la conversazione con John Coxon - si prepara per giugno una bella serie di incontri con protagonista Steve Noble, con la formula ogni volta del solo e del duo: con lui dopo Gabriel Wonck ci saranno via via Seymour Wright, Ute Kanngiesser, Pat Thomas e Alex Ward. Noblesse oblige!